1 1 3000 1 300 120 30 http://www.spilledabalia.it 960 0
site-mobile-logo
site-logo

Porto Recanati: terra di mare, tradizione e cultura

Viaggio in un’incantevole località ai piedi del Monte Conero tra mare mozzafiato, case colorate e un lungomare adatto a tutte le età.

Inizio a scrivere questo post quando ancora la mia vacanza non è finita perché sono talmente tante le cose da segnalarvi che non voglio perdermene una!

Dopo aver letto i consigli di Spilla da viaggio (per saperne di più leggete il post Riviera del Conero, gioiello delle Marche), io e la mia amica Tyca (nome fittizio ma mi piace tanto) siamo riuscite a prenotare una vacanza a Porto Recanati.

La scelta di questo posto non è casuale: si trova a sud rispetto alle spiagge di nostro interesse (San Michele, Sassi neri, Due Sorelle) ed è più adatto a due “giovani non più giovani” come noi. Prenotiamo una guest house poco distante dall’inizio del lungomare, rigorosamente pedonale, e dalla via principale, che tutte le sere viene chiusa al traffico per facilitare le passeggiate a piedi e in bicicletta di turisti e abitanti del luogo.

Ma ora veniamo alla vacanza. Partenza da Roma ore 7:30. Dopo poco più di tre ore di viaggio, e 282 km percorsi, ci dirigiamo alla scoperta della spiaggia distante meno di cinque minuti a piedi dall’alloggio. Acqua limpida, spiaggia ciottolosa, poche persone intorno a noi e il rumore delle onde a farci compagnia… cosa volere di più?!

Dovete sapere che il mare da queste parti non è subito profondo quindi è possibile stare comodamente a riva prendendo il sole.

La spiaggia di Porto Recanati | Credit Angela Cerroni

La spiaggia di Porto Recanati | credit Angela Cerroni

La distesa di spiaggia è di circa 9 km e l’alternarsi di stabilimenti balneari privati a spiaggia libera unisce le esigenze di chi preferisce una vacanza all’insegna della comodità e del relax e di chi, invece, ama l’avventura.

Dal mare si vede il Monte Conero | credit Angela Cerroni

Dal mare si vede il Monte Conero | credit Angela Cerroni

Altra particolarità di questo litorale è indubbiamente la sua composizione architettonica. Casette colorate e di due/tre piani, parte delle quali di proprietà di pescatori che tutt’oggi mantengono viva la tradizione (se proseguite per il lungomare avrete la fortuna di incontrarli con i loro banchi a vendere il pescato del giorno).

È il posto adatto per chi ama andare in bicicletta | credit Angela Cerroni

È il posto adatto per chi ama andare in bicicletta | credit Angela Cerroni

La sera poi le casette assumono un fascino particolare grazie al gioco di luci che la stessa illuminazione della via conferisce loro. Il tutto si incontra con l’ospitalità della gente del luogo: passeggiando per il lungomare, il fascino dei portoni aperti e degli abitanti che chiacchierano per strada vi faranno sentire come se foste a casa vostra.

Se avete intenzione di passare le vostre vacanze da queste parti ci sono delle cose che dovete assolutamente sapere.

Numero 1 – Non rinunciate a una cena di pesce. 

Ci sono diverse soluzioni possibili: quasi tutti i lidi a pranzo e cena offrono ristorazione a base di pesce fresco. Noi per l’occasione abbiamo seguito il consiglio della nostra amica Spilla da viaggio e siamo andate al Ristorante Nenetta, certe che non saremmo rimaste deluse.

Numero 2 – Siate curiosi e sperimentate posti nuovi

Una proposta “alternativa” che si incontra sul lungomare è Bagni 27Si tratta di un vero e proprio lido rock style! Salvatore, Lorenzo e Andrea da due anni gestiscono questo posto, rivoluzionando totalmente il concetto di stabilimento tradizionale.

Clientela giovane, personale giovane, format giovane.

Credo questo sia l’unico lido aperto dalle 8 del mattino alle 3 di notte, con musica rock di sottofondo (Virgin Radio sempre attiva) e con una cucina alternativa. In questo posto infatti non troverete il classico “spaghetto alle vongole”, ma Fish Burger, Tacos e Tapas. Vi consiglio di fare un aperitivo da loro: una varietà di prelibatezze accompagnate da buonissimi cocktail e un rapporto qualità prezzo ottimo. Bagni 27 è la soluzione ideale per chi vuole trascorrere una giornata diversa dalla solita offerta del luogo. Inutile dirvi che la nostra serata è terminata lì. Con il calar della sera si trasforma in un vero e proprio locale sulla spiaggia con tanti eventi in programmazione.

Rock on the sea

Rock on the sea

Numero 3  – Dedicate una parte della vostra vacanza all’offerta culturale del luogo.

Altra chicca di Porto Recanati è sicuramente il Castello Svevo

“Deve il suo nome a Federico II Re di Svevia, il quale nel 1229 dona le terre sulle quali sorge al Comune di Recanati. La data della sua costruzione è piuttosto incerta: per alcuni storici risale proprio al 1229, per altri appartiene alla fine del Medioevo e del Feudalismo. La sua funzione era quella di proteggere la costa recanatese dagli assalti dei pirati e, in special modo, dei Turchi” (fonte Sezione Turismo – Comune Porto Recanati).

Diverse sono le proposte culturali che ogni anno vengono programmate all’interno del Castello. Quest’anno protagonisti sono Salvador Dalì e Max Ernst. Una vera e propria esposizione di circa 60 opere grafiche dedicata al Surrealismo attraverso l’arte di due dei maggiori rappresentanti del movimento (Piccola informazione: avete tempo fino al 2 settembre per vederla al costo di 5 euro. Di pomeriggio la mostra è visitabile fino alle 20:00). Per chi volesse fermarsi anche la sera, nella corte del Castello, che ospita l’arena dedicata a Beniamino Gigli (celebre tenore recanatese), vengono proposti interessanti eventi culturali che spaziano dal balletto a spettacoli teatrali comici.

Piazza Brancondi vista dalla torre del castello | credit Angela Cerroni

Piazza Brancondi vista dalla torre del castello | credit Angela Cerroni

Infine in Corso Matteotti (via principale di Porto Recanati) è visitabile fino al 31 agosto Nuova Marguttiana Portorecanatese 2018, un’esposizione collettiva di pittura fruibile gratuitamente, organizzata dall’Associazione Anni d’Argento e dal Centro Studi Portorecanatesi.

Marguttiana Portorecanatese | credit Angela Cerroni

Marguttiana Portorecanatese | credit Angela Cerroni

Numero 4  – Non rinunciate a qualche gita fuori porta.

Dovete assolutamente vedere la Riviera del Conero. Mare splendido e panorami incredibili. In questa occasione la scelta per noi è stata Sirolo. Dista soli 18 km da Porto Recanati. È affascinante godersi il mare con alle spalle il verde del Monte Conero.

Vista del mare dal Monte Conero | credit Angela Cerroni

Vista del mare dal Monte Conero | credit Angela Cerroni

Lasciatevi del tempo per visitare il centro del paese che ha un incantevole belvedere.

Se avete bisogno, invece, di una giornata di assoluto relax, vi consiglio di passare una notte immersi nelle campagne maceratesi.

Segnatevi questo posto, Villa Scuderi (Contrada Saletta, a 20 km circa da Porto Recanati).

Affascinante villa immersa nella campagna marchigiana con piscina al servizio dei propri ospiti. La pace dei sensi.

Da qui la vista è formidabile | credit Angela Cerroni

Da qui la vista è formidabile | credit Angela Cerroni

Ecco il programma della nostra giornata: piscina nel pomeriggio, cena in villa, digestivo post cena avvolte dalle distese verdi (che di sera sono ancora più suggestive) e il cielo stellato.

Si, è tutto vero! | credit Angela Cerroni

Si, è tutto vero! | credit Angela Cerroni

Infine, non potete rientrare dalle vostre vacanze senza visitare la città di Recanati, patria di Giacomo e Silvia nonchè tesoro delle Marche. Ovunque si respira cultura. L’arte del Leopardi è presente in ogni dove, dalla Piazza, dove domina una statua a lui dedicata, alle vie dove ovunque sono posizionati piccoli frammenti delle sue opere e poi Palazzo Leopardi (ancora dimora dei discendenti della famiglia), aperto al pubblico per far assaporare agli appassionati il luogo natio del poeta.

Il sabato del villaggio | credit Angela Cerroni

Il sabato del villaggio | credit Angela Cerroni

Vi consiglio di fare una visita al Museo (accanto al Palazzo Leopardi) e a casa di Teresa Fattorini, figlia di Giuseppe cocchiere della famiglia Leopardi nonché protagonista del celebre canto “A Silvia” (Informazione utile: costo del biglietto per Museo, Biblioteca e Casa di Silvia, con visita guidata, euro 13).

Ora è proprio tutto. Cara Porto Recanati le nostre strade si separano. Il mio però non è un addio, ma un arrivederci. La gentilezza della gente del luogo, la bontà del cibo, lo splendore del mare sono solo tre delle cose che mi rimarranno nel cuore.

E voi cosa aspettate a organizzare la vostra vacanza?

Indirizzo
Villa Scuderi | contrada Saletta 39, 62019 Recanati

#stayspilla #visitportorecanati

Post precedente
Gelaterie a Roma che...
Post successivo
Martina Franca e <br...
2 Commenti
  • agosto 18, 2018 a 1:08 pm
    Viviana

    Confermo il tutto! Per questo e tanti altri motivi più che validi abbiamo scelto di trascorrere nuovamente le nostre vacanze a Porto Recanati 😍 abbiamo alloggiato all’hotel il Brigantino, meraviglioso a dir poco 👍👍👍 tutto tutto molto molto bello 👍👍😘😘😘

    Rispondi
  • agosto 21, 2018 a 2:20 pm
    Americans

    Come si possano fare chilometri di autostrada per andare al mare sulla breccia per me rimane un mistero.

    Rispondi

Usiamo cookies nostri e di terzi per migliorare i servizi e la tua esperienza di navigazione.
Hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. Leggi la nostra politica sulla privacy e sull’uso dei cookies