1 1 3000 1 300 120 30 http://www.spilledabalia.it 960 0
site-mobile-logo
site-logo

Infiltrazioni: piccola guida alla sopravvivenza

Semplici accorgimenti da seguire per sfortunati affittuari che si trovano a fare i conti con le infiltrazioni dal piano di sopra.

Vi è mai capitato di svegliarvi la mattina, stropicciarvi gli occhi, e mentre vi sgranchite il collo, alzare lo sguardo e incrociare quello dell’infiltrazione sul soffitto che vi dice “Buongiorno Principessa! Pensavi fossimo rimaste in incognito tutta la vita? No, mia cara, abbiamo deciso di farti impazzire…E come se ti faremo impazzire!”

Bravi, parlo proprio di quella macchia giallognola, che ben si mimetizza con il soffitto, con pezzi di intonaco a penzoloni.

Se la riconoscete, evidentemente è successo anche a voi, magari con l’aggravante di vivere in un condominio, in una casa in affitto, e la causa dei vostri mali proviene dall’appartamento del piano di sopra (sì, questa è proprio la mia triste storia), allora il primo consiglio è:

Keep calm and stayspilla.

Keep calm and stayspilla.

ma soprattutto lasciate tutto com’è.

Lasciate tutto com’è

Non toccare!

Sì, lo so, già avevate indossato i guanti e imbracciato la candeggina, ma non è questo il modo di affrontare la situazione. Anzi, piuttosto, chiamate il proprietario di casa e l’amministratore di condominio. Infatti per questo tipo di problematiche esistono delle specifiche coperture assicurative e sarà necessario un sopralluogo per verificare l’entità del danno.
Nel mio caso, per esempio, inizialmente la cosa sembrava risolvibile con una semplice pulizia degli scoli del terrazzo sovrastante il mio appartamento. Se vi dicono questo, non fidatevi mai! Bastano due gocce di pioggia che: TAAAC, eccola di nuovo, la maledetta. Più in forma di prima.
Ancora: niente panico, lasciate tutto com’è, chiamate amministratore e proprietario. Questa volta siete autorizzati a sfogare tutta la vostra rabbia su di loro. Diteglielo che è già la seconda volta che la macchia compare. Diteglielo che è pure più grossa di prima. Diteglielo, magari, che non è nemmeno un anno che vivete lì.
…scusate, forse sono troppo coinvolta! Torniamo a noi.

Da questo momento scoprirete cose esilaranti. Tipo che il terrazzo al piano di sopra ha un serio problema di impermeabilizzazione e che, da sola, la pulizia degli scoli non sarà mai sufficiente.

Eh sì, al proprietario toccano dei lavori seri.

Lui potrebbe essere la soluzione giusta

 

Scoprirete poi che a “cacciare i soldi” non dovrà essere solo lui, ma una percentuale è da dividere tra tutti gli altri condomini che potrebbero, a lungo andare, risentire del danno.

Ad esempio: l’infiltrazione proviene dal pavimento dell’inquilino del quarto piano? Alle spese dovranno contribuire in minima percentuale anche gli inquilini del terzo, secondo e primo piano, che hanno l’appartamento in corrispondenza di quello danneggiato.
E allora via con assemblee di condominio straordinarie, battaglie per mettere d’accordo tutti, tempi di attesa biblici. E intanto l’infiltrazione si estende, si espande e inizierà ad emanare cattivo odore. Che fare? Niente! Aprite la finestra e, come me, costellate casa di diffusori di profumo.

Costellate casa di diffusori di profumo!

Costellate casa di diffusori di profumo!

Se passano mesi e nulla si muove, intanto, date retta a ‘sta Spilla, chiedete di poter tamponare il danno in casa vostra. Servirà sicuramente l’intervento di un imbianchino che toglierà via l’intonaco rigonfio, ne passerà un nuovo strato e pitturerà nuovamente le parti interessate.

Ricordatevi sempre che voi siete solo degli sfortunati affittuari, quindi tutto ciò non dovrà assolutamente essere a carico vostro, al massimo le spese spetteranno al vostro proprietario di casa.

Questa bella rinfrescata alle pareti servirà a farvi vivere più serenamente, almeno fino alla prossima ondata di temporali. Per cui, il consiglio è di tenere il pugno di ferro ed esigere che i lavori di riparazione al piano di sopra vengano effettivamente eseguiti. Alleatevi magari con il vostro proprietario, lui avrà sicuramente più potere di voi.

Se così non avviene, sappiate che muffe e infiltrazioni possono essere annoverate tra le “gravi cause” per cui recedere dal contratto.

Con l’augurio che questo non accada…seguite questi spillaconsigli e vedrete che…..(soprav)vissero tutti felici e contenti!

#stayspilla #staytosta

(soprav)vissero tutti felici e contenti!

(Soprav)vissero tutti felici e contenti!

Post precedente
SP.accio: mangiare u...
Post successivo
Kamasutra, tantra, l...
0 Commenti

Usiamo cookies nostri e di terzi per migliorare i servizi e la tua esperienza di navigazione.
Hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. Leggi la nostra politica sulla privacy e sull’uso dei cookies