1 1 3000 1 300 120 30 https://www.spilledabalia.it 960 1
site-mobile-logo
site-logo

La Scarcedda, il dolce pugliese tipico della Pasqua

Su ogni tavola pasquale pugliese che si rispetti non possono mancare le mitiche Scarcedde, prepariamole assieme!

Come ogni festa torna la nostra rubrica “Casalingue disperate ai fornelli” e oggi prepareremo insieme un dolce tipico della Pasqua proveniente direttamente dalla Puglia: la Scarcedda o Scarcella, o scarsella.

Chi ci aiuta nella nostra missione? Keepqueenbeealive, Lucia una food blogger con la passione per la natura e le api, che a Natale aveva già dato prova della sua bravura con i purcidduzzi. Se non li avete ancora provati siete un pò fuori stagione, ma potete comunque rimediare cliccando qui.

Le scarcedde.

Le scarcedde.

Il protagonista è l’uovo, ingrediente principe della festività pasquale: simbolo di fertilità, generalmente connesso al concetto di principio originario. Alla “nascita” si collega anche l’immagine di “ri-nascita”: nelle sepolture, in molte civiltà del passato, venivano deposte uova intere, che propiziavano la resurrezione del defunto e già nel IV secolo i cristiani si scambiavano uova benedette come simbolo del Cristo risorto. L’uso dell’uovo è previsto dalla tradizione cristiana, ma anche da quella ortodossa e da quella ebraica e si ritrova anche nel Pane di Pasqua che in Puglia è chiamato appunto Scarcedda. La sua peculiarità è data dal modo in cui vengono disposte le uova: in superficie, tenute ferme da due strisce di pasta. La Scarcedda può assumere forme diverse ognuna delle quali ha un significato differente:

  • la campanella, che poi è un campanile,  ricorda le campane che risuonano per il Cristo risorto;
  • il cestino in segno di augurio di abbondanza;
  • il galletto e la colomba da regalare ai  più piccoli;
  • le bamboline per tutte le bambine;
  • il cuore per fidanzati e innamorati.

La preparazione delle Scarcedde prevede l’utilizzo di pochi ingredienti, ovvero uova, farina, zucchero, ma il risultato è da leccarsi i baffi, come accade solitamente a quello che sembra semplice (vedi la pasta al pomodoro, yuuum)!
Possono essere decorate con la glassa di albume e zucchero o con codette e perline colorate e, come impone la tradizione, il numero di uova in superficie deve essere rigorosamente dispari.
Ma basta perdersi in chiacchiere,  mettiamoci al lavoro!

Difficoltà: media
Preparazione: 20 minuti + 30 minuti di riposo in frigorifero
Cottura: 40 minuti
Dosi per: 6 persone (1 Scarcedda a testa)

Ingredienti

500 gr di farina 0
200 gr di burro
2 uova
150 gr di zucchero
16 gr di lievito per dolci
1 buccia di limone grattugiato
6 uova da mettere al centro
una manciata di Codette Miste Colorate

Preparazione

Versate sul piano di lavoro la farina, creando una montagna. Realizzate al centro un piccolo buco per formare un vulcano. Versate sui bordi del vostro vulcano il lievito e lo zucchero, mentre al centro le uova. Aggiungete il burro a temperatura ambiente tagliato a tocchetti e la buccia di limone grattugiata.
Impastate il tutto avendo cura che il burro si sciolga.
Avvolgete il composto ottenuto nella pellicola e lasciatelo riposare per 30 minuti nel frigorifero.
Nel frattempo lavate le 6 uova e tenetele pronte sul vostro piano di lavoro.

Tirate fuori dal frigo l’impasto e tagliatelo in 6 parti uguali. Da ogni pezzetto formate 3 sfere di cui una più grande e le altre 2 più piccole. Con la sfera più grande formate una ciambella e inserite 1 uovo al suo interno. Con le altre due sfere formate dei cilindri e posateli a forma di croce sull’uovo.
Se volete guarnire le vostre Scarcedde con le codette miste colorate, decoratele prima di infornarle, altrimenti non si attaccheranno.

Posizionate le Scarcedde nel forno statico pre-riscaldato a 160°C per 40 minuti.

Grandi protagoniste della Pasqua: le uova.

Grandi protagoniste della Pasqua: le uova.

Visto che qui non si butta via niente ricordatevi che con gli avanzi di impasto potreste realizzare dei taralli dolci.

Buona Pasqua a tutti voi dalle vostre Spille e da Keepqueenbeealive naturalmente!

#stayspilla #stayov

Segui keepqueenbeealive su


Sito web

Post precedente
Buh lab: attimi da i...
Post successivo
Speciale capelli lis...
0 Commenti

Usiamo cookies nostri e di terzi per migliorare i servizi e la tua esperienza di navigazione.
Hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. Leggi la nostra politica sulla privacy e sull’uso dei cookies