1 1 3000 1 300 120 30 https://www.spilledabalia.it 960 1
site-mobile-logo
site-logo

Per carnevale prepariamo le bugie di Pasticciandoconlafranca

Frappe, chiacchiere, cenci, nomi diversi per un dolce che unisce tutti i palati.

In questa allegra atmosfera carnevalesca non potevamo non consigliarvi un dolce tipico della tradizione italiana: sono le bugie di carnevale.
In ogni parte d’Italia hanno un nome differente, c’è chi le chiama frappe, chi chiacchiere, chi cenci o fiocchetti ma in tanti le preparano o le acquistano per festeggiare in compagnia.

Anche in questa occasione ci siamo affidate all’arte culinaria della nostra amica Francesca. Sui social tutti la conoscono come Pasticciandoconlafranca e nella sua cucina prepara piatti sani e sfiziosi. Nella vita tiene corsi di cucina, individuali o collettivi, workshop e collabora con aziende del territorio per promuovere  i loro prodotti tramite le sue preparazioni. Se vi interessa saperne di più di lei andate a visitare il suo sito dove troverete ricette e consigli imperdibili.

Ma arriviamo al dunque: ci sono ricette che si tramandano di generazione in generazione, altre scritte su foglietti volanti e che poi puntualmente perdi e poi ci sono quelle stampate nella mente… come questa: la fantastica ricetta delle bugie di carnevale di nonna Enry.

Questa nonna, che non è la mia ma è ugualmente speciale, di dosi a memoria ne ricorda veramente tante e le sue mani sono velocissime e abili nel realizzarle. Tante di queste sono “a occhio”, ma avendo avuto la fortuna di esser stata la sua vicina di casa, mi ha dato la possibilità di osservarla tante volte mentre realizzava meraviglie a non finire.
Queste bugie sono uno di quei dolci a cui pensi, le impasti in cinque minuti e dopo poco le hai già finite purtroppo!
Le adoro: sarà che me il carnevale piace moltissimo, mi ricorda quel periodo che precede la primavera che tanto attendo e fin da quando ero piccina… quando in tv c’era Sanremo voleva dire che senza nemmeno accorgertene ti ritrovavi in costume da bagno.

Allora coraggio, corriamo in cucina! Carnevale è alle porte! Seguite con attenzione ogni singolo passaggio e il risultato sarà garantito.

Difficoltà: bassa
Preparazione: 35 minuti
Cottura: 2 minuti
Dosi per: 6 porzioni

Ingredienti

250 gr di farina di farro
50 gr di vino bianco frizzante
40 gr di zucchero integrale di canna
25 gr olio di riso/ olio di oliva
2 cucchiai di yogurt vegetale
5 gr di cremor tartaro
1 limone (scorza grattuggiata)
½ bacca di vaniglia (semi)
1 pizzico di curcuma

Per friggere:

olio di semi

Preparazione

Iniziamo col versare gli ingredienti secchi in una ciotola (o nella planetaria), aggiungiamo yogurt con la curcuma mescolata all’interno, olio, aromi e procediamo piano piano inserendo il vino: in base al tipo di farina che avete utilizzato, questa quantità potrebbe essere troppa o troppo poca.
Impastiamo energicamente fino a quando il composto si staccherà bene dalle pareti della ciotola e finiamo di lavorarlo sulla spianatoia finché non sarà omogeneo.
Facciamo una bella palla, copriamo con pellicola e lasciamo riposare per 20 minuti.

Ricaviamo tanti rettangoli che taglieremo in mezzo per evitare che il centro si gonfi.

Ricaviamo tanti rettangoli che taglieremo in mezzo per evitare che il centro si gonfi.

Successivamente infariniamo leggermente il piano, riprendiamo l’impasto delle nostre chiacchiere e stendiamolo grossolanamente con le mani, dopodiché avremo due opzioni: tirarlo sottile con l’aiuto di un mattarello, oppure usare la sfogliatrice. L’importante è che la sfoglia venga più sottile possibile.
Io ho usato la sfogliatrice, regolando lo spessore nella penultima ghiera, in quanto diversamente si sarebbero strappate poiché troppo fini.
A questo punto, con l’aiuto di una rotella taglia pasta, ricaviamo tanti rettangoli che taglieremo in mezzo per evitare che il centro si gonfi.
A me piace farle irregolari, alcune più grosse, altre più piccole, o quadrate, triangolari… insomma come più vi piacciono.
In una pentola scaldiamo abbondante olio di sesamo/oliva per friggere e portiamolo a temperatura.
Una volta caldo immergiamo 4 o 5 chiacchiere alla volta, girandole su entrambi i lati.

N.B. devono cuocere pochi secondi da un lato e dall’altro, quindi occhi sulla padella e mani prontissime!

Scoliamo e poniamo su carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso, spolveriamo di zucchero e velo.

Ora che avete scoperto i segreti per delle bugie a regola d’arte, non vi resta che mascherarvi da pasticceri stellati e divertirvi in cucina, deliziando i palati di amici e parenti!

Bugie di carnevale di nonna Enry

Bugie di carnevale di nonna Enry.

#stayspilla #staynonna

Segui Pasticciando con la Franca su


Sito web

Post precedente
Speciale capelli ric...
Post successivo
Milano come non l’...
0 Commenti

Usiamo cookies nostri e di terzi per migliorare i servizi e la tua esperienza di navigazione.
Hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. Leggi la nostra politica sulla privacy e sull’uso dei cookies